IL REINSERIMENTO

Già dal 1991 la Comunità ha iniziato un programma di reinserimento lavorativo, dal 1995 si è definita ulteriormente la strategia secondo la linea del PROGETTO-OBIETTIVO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DELLE TOSSICOMANIE, LA RIABILITAZIONE E IL REINSERIMENTO DEI TOSSICODIPENDENTI (l.r. 51/88 approvata con D.G.R. n.50562 del 23/01/90) con sostanziale riferimento al punto 4.3 (REINSERIMENTO). Abbiamo ritenuto indispensabile attuare un passaggio strutturato dalla fase residenziale ad una di «sostegno – accompagnamento», finalizzata al raggiungimento della completa autonomia e all’uscita del soggetto dalla struttura comunitaria. La fase di reinserimento necessita dell’incontro tra i bisogni della persona e del contesto ambientale in cui ritornerà a vivere. L’ospite in fase di reinserimento si dovrà confrontare con maggiore intensità con il suo contesto familiare, amicale, lavorativo ed in generale con le norme del vivere sociale, onde verificare l’acquisizione delle necessarie «abilità sociali».

Per maggiori informazioni potete scaricare il documento completo che descrive nei dettagli l’offerta proposta dal Reinserimento.

Lascia un commento